mercoledì 23 settembre 2009

Questione murale






















Mutano i significati, meglio cambiare le parole.







E poi la questione murale potrebbe essere quella tra te e me, il murale intorno a noi, piccoli murali crescono.







Intanto faccio rientrare i capitali, se siete poveri cazzi vostri.

16 commenti:

  1. Oddio. più che altro i significati non hanno più parole.

    RispondiElimina
  2. hanno gesti, la mimica aiuta

    RispondiElimina
  3. hanno sguardi. Sto promuovendo un amplesso in questo senso.

    RispondiElimina
  4. nel senso che sei la testimonial?

    RispondiElimina
  5. non ti facevo un muralista.

    RispondiElimina
  6. Io credo di essere povera di una cosa decisamente rilevante: la fortuna (o culo a seconda dell'interpretazione che gli volete dare)
    Buongiorno...

    RispondiElimina
  7. Il mio lavoro è alzare muri. Sono dispensatore di muralità.

    RispondiElimina
  8. cosa?
    ma le ricchezze che avevo,,no?
    io ero :

    " Vedi amore ora sono un drago...sono libero...sono il capitano dell'universo ..."

    RispondiElimina
  9. estellita) sei sempre allegra, posso fare qualcosa per farti incazzare?

    grande favollo) all'occorenza li puoi anche demolire

    libero) le ricchezze si portano fuori come i cani, poi tutti rientrano.
    non sei più tricarico?

    RispondiElimina
  10. si parla solo della morale ma del morale della gente nessuno parla

    RispondiElimina
  11. Ma tu, non eri quello che doveva guarirmi?

    RispondiElimina
  12. c'è una pubblicità in alto nel blog, la cosa più triste del mondo. toglietela

    RispondiElimina
  13. sedotto & abbandonato28 settembre 2009 14:37

    "post"
    è
    anagramma semplice di
    "spot"

    RispondiElimina
  14. Devo sedurre O'K...
    Cavolo, non so se ne sono all'altezza, mi dia una dose di dilaudid poi rifletterò meglio. (credo)

    RispondiElimina