domenica 27 dicembre 2009

Facce (non volti)

















La quotidianità come mezzo per andare avanti o come veicolo di insanità?





16 commenti:

  1. chiunque guardi con attenzione quelle foto non può fare a meno di immaginare queste donne di quando avevano 20 anni.
    ...quindi inutile che tu la meni tanto....

    :) love, mod

    RispondiElimina
  2. il titolo te l'ho ispirato io.

    RispondiElimina
  3. il socialismo reale non aiuta,
    ma neppure il liberismo virtuale...

    RispondiElimina
  4. ciao mod, a me queste facce piacciono

    anoNimo) se lo dici tu

    linda) lo sai che io non ti darò mai torto


    mirtillo) è un blog inutile, non vuole essere carino e ben impaginato

    lorenzo) resta il collagene?

    RispondiElimina
  5. se lo dici tu dilaudid28 dicembre 2009 15:26

    se mi suggerisci cosa rispondere evitiamo di incomprensioni. servo tuo

    RispondiElimina
  6. La quotidianità è mancanza di fantasia, di passione, illusione di repetibilità infinita, inganno, semplice, a portata di mano, attesa della morte, insana, morte.

    RispondiElimina
  7. dilàudìmanoncomprese28 dicembre 2009 22:46

    se lo dici tu)se lo dici tu

    RispondiElimina
  8. Non mi piacciono tanto. Mi da l'idea di trascuratezza. E non è tanto un discorso di non avere soldi. Più un discorso di voglia di esserci. baci

    RispondiElimina
  9. mezzo per sopravvivere, ora.
    sono in crucconia e quindi sono stata ad un party molto crucco,
    ti sarebbe piaciuto assai.
    buon anno mio amor!

    RispondiElimina
  10. ecco io l'ultimo dell'anno mentre fuori esplodevano fuochi e risate, avevo una faccia di quelle, e anche il giorno dopo, cambiava solo il modello del telefono e del monitor

    RispondiElimina
  11. cccp fedeli alla linea metropolitana

    RispondiElimina
  12. la quotiSIANITà NON è UN MEZZO e nemmeno una scelta...è forse una polpetta che ci siamo ritrovati -......il veicolo di insanità non risiede forse nel famoso verso "consuma, brucia, crepa"?!?

    RispondiElimina