lunedì 22 febbraio 2010

La radice del nulla






















L'universo è nelle mie dita, poggiano lievi sulla tastiera per raccontare il nulla
il nulla che spesso riveste e traveste tanti di noi(tutti quelli fatti di tanto non si sentano considerati)
se il nulla incontra e accoglie un altro nulla ci si eleva al quadrato
se ci si riproduce escono dei nulla elevati a chissà quale potenza
poi ci si ramifica in chissà quanti nulla
vedessi il mio mignolo, gratta laddove non pizzica
e la mia mano accarezza l'ascella
ma chi è stato ad iniziare il nulla?
Non per cercare un colpevole(noi siamo garantisti direbbero i fascisti)
ma per cercare l'originale, la mia vita è fatta di ricerca
dio del nulla se mi vorrai amare
scendi dalle stelle e vienimi a cercare.




13 commenti:

  1. foto di tetsuya miyoshi, non mi piacciono

    RispondiElimina
  2. Il nulla riempie i spazi che noi lasciamo vuoti.
    Le piccole Oasi di Pensiero che ci contraddistinguono prendono valore proprio in virtù del nulla che le circonda.
    E paradossalmente più sono piccole, più gli attribuiamo valore...

    RispondiElimina
  3. ...la leica a telemetro...nulla..

    RispondiElimina
  4. non va bene, anche le nozioni tecniche sono troppo

    RispondiElimina
  5. ci sto provando, ma è difficile...

    RispondiElimina
  6. che volevo dire...? ah, nulla, scusa.

    RispondiElimina
  7. io ho dei silenzi pieni di significato, stanno bene su tutto

    RispondiElimina
  8. quindi essere buoni a nulla è un buon inizio

    RispondiElimina
  9. c'è chi dice che il mercato certiFica tutto. ma ognuno conosce le proprie potenzialità. insomma, per farla breve, la solita questione murale.

    RispondiElimina
  10. i spazi??????????
    oddiomioooooooooooo
    i spazi!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  11. Ragazzi, ma così non arriveremo a "nulla"!

    RispondiElimina