giovedì 3 dicembre 2009

Vano attendismo(quasi assurdismo)





























sono ancora alle poesie da tergicristallo, solo che questa l'ho scritta io, basta poeti sufi.







Abito sopra un parcheggio, piccolo, ho lasciato nei parabrezza di dieci auto questa poesia sentimental-canzonettistica ed ho aspettato il ritorno dei proprietari per vedere le reazioni.







Ho aggiunto alla fine -ciao, chiamami- per dare idea di conoscenza e frequentazione, un modo subdolo per entrare nella testa delle persone.







In tre ancora devono tornare, io li guardo. (poesia per modo di dire)





















mentre ti aspetto ancora certo che tu non verrai







assalito dallo struggimento e dalla commozione







ho pensato di morire







ma la morte non ne vuole sapere di me







la aspetto come faccio con te







come aspetto la vita







come aspetto







sospeso tra l'inizio e la fine







magnifico il senso dell'incompiuto







la bellezza del perfetto imperfetto







in cerca di un conforto inutile







mi getto tra braccia sconosciute







gioco il gioco delle seduzioni







mentre ti aspetto ancora certo che tu non verrai.

18 commenti:

  1. foto da volti di john cassavetes

    RispondiElimina
  2. tu hai ottimi gusti, mi piace anche quello che scrivi. vediamoci a parigi, parto ora.

    RispondiElimina
  3. Magnifico, il senso dell'incompiuto.
    Le lasciassero a me, le poesie sul parabrezza...
    aspè, io non ce l'ho un parabrezza...

    RispondiElimina
  4. Come aspetto il tempo incollato ai miei sospiri.

    Belle romanticherie-chiccherie.

    Dove abiti?No,perchè può essere che un giorno o l'altro mi ritrovi una poesia infilata nel portalettere.E sarà amore eterno.

    RispondiElimina
  5. sei il più meglio, dil

    RispondiElimina
  6. sole cuore ammmmmore. comincia a depilarti, ci vedremo presto.

    RispondiElimina
  7. c'ho i peli della fica di mezzo cm: ieri sera l'ho usata.Va bene anche seminuova?

    RispondiElimina
  8. non mi riferivo alla cicciabaffa ma al seno.

    RispondiElimina
  9. porca merda, e lo chiami seno?troppo buono

    RispondiElimina
  10. Prendi il numeretto e mettiti in fila per la morte e sopratutto non inventarti, come hai fatto l'ultima volta, che avevi da ritirare il pupo dall'asilo!
    Sui parabrezza dovrebbero metterci poesie antivelox e antitamponamento.

    RispondiElimina
  11. bellissimo dilaudid

    fa venire voglia di cercare parcheggio sotto casa tua

    lilli

    RispondiElimina
  12. amnesia) 100 scuse per non morire, il mio ultimo libro. faremo la poesia antisfiga, con una ci mettiamo a posto per tutte.

    lilli) nel nord italia sono molto richiesto, batto in tutti i parcheggi

    RispondiElimina
  13. sono su una sedia a rotelle con le ruote rotte. non posso venire a parigi

    RispondiElimina
  14. dilàudìdiquano4 dicembre 2009 19:42

    Terrorizzi gli automuniti per avere il parcheggio tutto per te (la solitudine del poeta)

    Le 'poesie del parabrezza' sono multe al contrario o multe insolvibili?

    RispondiElimina
  15. istanze dell'anima direbbe un poeta. sono multe al contrario

    RispondiElimina