lunedì 26 aprile 2010

Cuticola dell'anima





























NINO PEDRETTI, E' MI BA
[Citato da vespertiliae]
E' mi ba ch'u m'à ṣvargugnè

ch'l'à pers tòtt al batai

e' mi ba ch'l'éra buṣèdar

e' mi ba ch'e' biastmévva i sént

e pu u s mitéva d'inznòc

davénti al madunini

e' mi ba ch'l'éra bèl

e u s guardéva te spèc

eì mi ba ch'l'éra purètt

ch'l'éra ambiziòuṣ, ch'e' cantévva

e' mi ba ch'u n m'à insgné gnént

e' mi ba ch'i l freghévva tòtt

e' mi ba ch'u n savévva e' latéin

e pòch ènca l'italién,

che dall'America l'è tòuran

s'un penni e trè paróli d'ingléiṣ

e' mi ba ch'e' vlévva «commendatòur»

scrétt sòura la bósta

e' mi ba, fra i ba e' piò sgangarèd,

l'à scrétt dréinta ad mè

tòtt al mi poeṣéi.






Mio babbo




Mio babbo che mi ha svergognato,

che ha perso tutte le battaglie,

mio padre che era bugiardo,

mio padre che bestemmiava i santi

e poi si metteva in ginocchio

davanti le madonnine,

mio padre che era bello

e si guardava nello specchio,

mio padre che era povero,

che era ambizioso, che cantava,

mio padre che non mi ha insegnato nulla,

mio padre che tutti lo fregavano,

mio padre che non sapeva il latino

e poco anche l'italiano,

che dall'America è tornato

con un penny e tre parole d'inglese,

mio padre che voleva «commendatore»

scritto sopra la busta,

mio padre fra i padri il più sgangherato

ha scritto dentro di me

tutte le mie poesie.


[ da Al Vouṣi e altre poesie in dialetto romagnolo, Einaudi 2007, pp. 190-191]

26 commenti:

  1. anche qui un post sull'anima, non solo crudezza. è inevitabile. forse perchè la crudezza è anche quella.

    RispondiElimina
  2. fantastico arthur tress.
    resto sempre di stucco quando l'originalità è così banale.

    il dialetto a volte è una lingua a sè.
    nel senso che non sempre i significatai coincidono.
    nel senso che in dialetto è tutta un'altra poesia.
    nonostante non capisco una virgola di romagnolo.

    RispondiElimina
  3. che bella. mi sto appassionando a questa vostra (di voi emilianoromagnoli) regionalità.

    RispondiElimina
  4. cerco di immaginare se c'è una musicalità nella poesia in dialetto... dovrei sentirla a voce...
    dilaudid, sali sulla sedia e recita

    RispondiElimina
  5. gozer) il romagnolo non mi entusiasma, mi piace la vaga idea d0amore nonostante tutto

    andrea) mica son regionalista, sono universalista

    paraspifferi) suduco al telefono, dovresti sentirmi recitare in dialetto

    RispondiElimina
  6. A Sara non ho insegnato niente, ci siamo conosciuti tanto. L'Affetto è la chiave del mondo.

    RispondiElimina
  7. Questo titolo mi ricorda qualcosa. In una battaglia senza perdenti, hai vinto per bellezza dell'evocazione :-)

    RispondiElimina
  8. enzo) e bravo appapà


    fedriade) siamo in pochi, conta sul mio interesse anche se il mio interesse pùò non interessare


    msspoah) tutto merito tuo, mi piace mettere titoli non didascalici, per questo simil-blues romagnolo la cuticola mi sembrava molto distante e quindi perfetta. ti devo qualcosa

    RispondiElimina
  9. Secondo me siamo già pari, fidati :-)

    RispondiElimina
  10. cieco dilaudid29 aprile 2010 09:19

    ormai sei la mia guida...

    RispondiElimina
  11. Va a finire che mi fai preoccupare... dico sul serio, eh! :-D

    RispondiElimina
  12. zelig dilaudid29 aprile 2010 10:11

    stanotte sognare berlusconi, lo fa la mia guida quindi lo devo fare anch'io... il trattamento farmacologico di giornata l'ho appena assunto, tra un po' tutto bene!

    RispondiElimina
  13. Noooo-ooo, non-pu-o-i-tenermi-co-me-gui-da: io non ho fatto manco l'asilo come si deve!!
    E poi berlusconi l'ho sognato per sbaglio: è stata un'imboscata. Sono salva per un pelo.

    RispondiElimina
  14. devoto dilaudid29 aprile 2010 12:13

    questi sono i blogS, espressione liBBera delle possibilità che la rete ti offre, io ho scelto te come cane guida! l'analista che interpretazione darebbe del tuo sogno? o è una forma di apparizione volta al consenso, appare in sogno a tutti per avere la quasi totalità dei consensi?

    RispondiElimina
  15. Dici che ci prova col sogno perché non ho la televisione? Può esse'.
    L'analista per interpretare l'onirico vorrebbe saperne di più, io non saprei che dirgli/le; quindi sono (sarei) salva.

    RispondiElimina
  16. basterà analizzare i tuoi silenzi
    sempre più guida, eliminare televisione, l'ha detto la mia maestra...

    RispondiElimina
  17. allievo dilaudid30 aprile 2010 09:27

    dove lo guardo il film, sai non ho la televisione!
    questo non è una fine, ti seguirò ovunque

    RispondiElimina
  18. autogestione dilaudid1 maggio 2010 13:35

    lo riscriviamo e lo recitiamo, facciamo tutto da soli

    RispondiElimina
  19. però, coinvolgiamo il pubblico

    RispondiElimina
  20. fosse per me reciterei per il mio cane
    ma se a te fa piacere un pubblico faremo come vuoi tu

    RispondiElimina
  21. è solo che voglio cambiare il mondo... cose così... mica che...
    facciamo come viene e buonanotte :-)

    RispondiElimina
  22. no, sono onorata dell'interesse. grazie

    RispondiElimina