mercoledì 29 aprile 2009

L'uomo dei bordi









Ho sempre subito il fascino della marginalità, la rappresentazione di se stessi è una forma di integrazione
Sapere ciò che si è o pensare qualcosa su di noi predispone un cammino verso il proprio centro.
Ai margini da tutto voglio essere, chiamatemi l'uomo dei bordi.
Non mi compete nulla, il mio sguardo è sui bordi.

12 commenti:

  1. Senti, uomo dei bordi, come si vede da lì? Conviene? la donna dei sobborghi (bianca)

    RispondiElimina
  2. l'uomo dei bordi ha detto sì.B

    RispondiElimina
  3. Sì? Ma che bravo. Cucimi la bocca.

    RispondiElimina
  4. cucitor cortese29 aprile 2009 17:02

    ti offri poi alla fine non mantieni. porta anche le calze da rattoppare

    RispondiElimina
  5. é caldo per le calze. nude non va?

    RispondiElimina
  6. dilaudid guardone29 aprile 2009 17:09

    io rattoppo, tu mi cammini davanti cercando di attirare la mia attenzione

    RispondiElimina
  7. facciamo che tu cammini davanti a me, e ogni tanto ti giri... nei sobborghi siamo abituati così... *b

    RispondiElimina
  8. dichiaro di comprendere e di voler continuare.

    RispondiElimina
  9. mi serve un orlo e non trovo più le vecchie sartine di una volta...suor colomba le ha passato l'arte?

    RispondiElimina
  10. bianca)come direbbe pappalardo, ricominciamo.

    scritti) nulla di serio, ciarpame senza pudore


    gerico)so lavorare anche al tombolo cara gerico, se vuoi ti faccio una tovaglia da otto per soli 4.000 euro

    RispondiElimina
  11. Jean-Pierre Léaud Dilaudid1 maggio 2009 10:28

    Antoine Doinel annuncia la fine di cosa?

    RispondiElimina
  12. comprendo e sottoscrivo .... appartengo alla parrocchia del volare basso .

    RispondiElimina