martedì 6 aprile 2010

La macchina del tempo(post primaverile)













- lo sai che baci proprio bene!
- davvero?
- sì, e te lo dico io che sono molto selettiva
- (selettiva non lo posso sentire, selettiva tira fuori il cattivik che è dentro di me)perchè non fumi e bevi un wiskey, mi faresti tornare in mente gli odori di mio padre quando entrava nelle mia camera
- come sei dolce, ti pensavo in tutt'altro modo. ma io non fumo e non bevo
- dai, fallo per me, te l'accendo io. per il wiskey basta un piccolo sorso
- va bene, poi però smettiamo di parlare
- puoi mettere anche questo?
- mio dio, ma cos'è?
- uno strap-on
- ti sembro il tipo che usa falli in lattice e cose del genere?
- lo indossi e poi mi sodomizzi, lo faceva anche mio padre, tornava a casa ubriaco e mi violentava. ma tu sei selettiva, certe cose le senti. ancora mi chiedo perchè mio padre inculasse solo me e non mio fratello, forse ero il suo preferito.


20 commenti:

  1. prime 3 foto bill eppridge, ultime 2 antoine d'agata. post leggero, una piuma.

    RispondiElimina
  2. sei brava, siamo una coppia di dialoghisti con i controcazzi

    RispondiElimina
  3. calzino) mi sono trattenuto, volevo scrivere un dialogo tra il fratello stuprato e quello non stuprato

    elena) mai più senza lelo! ma per farmi ricordare i bei tempi comprati lo strap on

    RispondiElimina
  4. calzino, entra nel gruppo, diventa anche tu una merda

    RispondiElimina
  5. Un piumino non una piuma.
    Dilaudid!

    RispondiElimina
  6. lo strap-on è un'arma potente.
    può, a volte sostituire la siringa,
    può, a volte, sostituire un cazzo vero,
    può, a volte, colmare il vuoto di una inculata rifiutata,
    può, a volte, far sanguinare il cuore,
    può, a volte, far dimenticare la faccia sudata e concentrata di un padre indefinibile.

    ...è usato da una idiota diventa arma impropria.

    RispondiElimina
  7. ...dil, molti lo vorrebbero e non sanno come procurarselo. se poi ce l'avessero, la preoccupazione di come e soprattutto dove cazzo nasconderlo li ucciderebbe.

    ad amsterdam comprai "u fallu poeta". aveva, come le bambole costose con cui giocano le baminbe per bene a diventare delle brave mammine, una voce incorporata. tu lo accendevi e diceva 2 o 3 frasi come "ora ti spacco il culo, puttana". quando un uomo per la prima volta si sente dare della puttana mentre viene inculato da una che lo usa come 'na bicicletta - bè, è poetico, in effetti.

    RispondiElimina
  8. ok voglio essere una merda anche io, è ufficiale.

    RispondiElimina
  9. prima di diventare merde c'è lo stadio merdine, bisogna fare un po' di gavetta. elena è merdissima. passa dal suo blog ad annunciare la tua conversione

    RispondiElimina
  10. "la merda e un risultato chimico come i bambini" bill hicks, riti e riti questo post a il retro gusto di prima comunione

    RispondiElimina
  11. non ho mai compreso la differenza di amore che si rischia di provare per due figli. perché si amano entrambi? perché se ne sceglie solo uno? nessuno é perfetto. anche se lo vorremmo tanto credere, almeno di mamma e papà, fino ad una certa età. poi, la "certa età" è soggettiva.

    ..ah, già, anche la perfezione é soggettiva.

    RispondiElimina
  12. come centrare il senso del post aurea, in associazione al linguaggio stereotipato del "sono selettiva". sei tornata, non te ne andare

    RispondiElimina
  13. perchè essere selettivi, poi. meglio prendersi tutto così si hanno più argomenti di conversazione.

    RispondiElimina
  14. non me ne sono andata. tu posti alla velocità di un coniglio da monta... io sono pigra ma (ti) osservo moltissimo.

    RispondiElimina
  15. Caro buon uomo, posso linkare il tuo al mio?
    A me qui mi ci piace, e ci passo spesso per leggere qualcosa di interessante.

    RispondiElimina
  16. Tra questa e i lager non saprei quale scegliere. Per stare male c'è l'imbarazzo della scelta.

    RispondiElimina
  17. a me la memoria ha lasciato questo, esisto in quanto ex

    RispondiElimina